Bonus universitari INPS: chi può richiederli e come ottenerli

Greta Tesini

Il 14 dicembre 2021 è stato pubblicato sul sito dell’INPS il bando, riguardante l’anno accademico 2019/2020, per richiedere le Borse di Studio Universitarie. I bonus previsti vanno fino ai 2.000 euro per specifiche categorie di studenti che hanno frequentato corsi universitari di laurea o corsi universitari di specializzazione post lauream in questo periodo di tempo. Vediamo a chi spettano e come richiederli.

Cosa sono i Bonus università INPS

I bonus universitari dell’INPS sono di fatto borse di studio pensate per studenti universitari lodevoli. Nello specifico, i requisiti per poter accedere ai bonus di quest’anno sono i seguenti:

  • Rispettare la soglia minima di una media ponderata di 24/30*;
  • Non essere ripetenti o studenti fuori corso dell’anno accademico 2019/2020;
  • Essere in pari con tutti gli esami previsti dal piano di studi prescelto;
  • Aver ottenuto i crediti previsti dagli ordinamenti dei rispettivi corsi;
  • Possedere un diploma di laurea con una votazione minima di 92/110 (questo punto riguarda solo il bando per i corsi di specializzazione post lauream).

*Gli studenti che frequentano o hanno frequentato un corso di laurea all’estero dovranno convertire i voti in trentesimi, ove il sistema di votazione sia differente.

Le tipologie di borse di studio previste per quest’anno

Nel 2022 verranno erogate due diversi tipi di borse di studio, differenti per importo e per categoria alle quali sono destinate. Sono previsti infatti 12.000 bonus divisi fra:

  • 11.545 borse di studio da 2.000 euro cadauna per corsi universitari di laurea (comprendenti corsi di laurea triennali, magistrali o a ciclo unico – anche telematici -, Conservatori, Istituti Musicali o Accademie di Belle Arti)*
  • 485 borse di studio da 1.000 euro cadauna per corsi universitari di specializzazione post lauream (dottorati PhD, Master, corsi di perfezionamento, scuole di specializzazione, formazione insegnanti, ECM)

*Se lo studente frequenta o ha frequentato in contemporanea l’Università e il Conservatorio, il bonus verrà erogato per un solo percorso di studio.

Chi può richiedere i bonus

Entrambi i bonus sono destinati ad una specifica fetta di cittadini, nello specifico verso studenti (o ex) figli o orfani di genitori appartenenti a una delle seguenti categorie:

  • Iscritti (dipendenti o pensionati) alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali;
  • Pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici;
  • Iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale;
  • Dipendenti o pensionati del Gruppo Poste Italiane SpA o ex IPOST.

Inoltre, è necessario che i soggetti spettanti:

  • Abbiano effettivamente frequentato un corso universitario oppure di specializzazione post lauream durante l’anno accademico al 2019/2020;
  • Abbiano un’età non superiore ai 32 anni alla data di scadenza del bando;
  • Durante l’anno accademico 2019/2020, non abbiano già fruito di altre misure precedenti e analoghe erogate dall’INPS, dallo Stato o da enti regionali con un valore superiore al 50% dell’importo del bonus;
  • Non siano vincitori del bando INPS Collegi Universitari;
  • Non abbiano già conseguito un precedente titolo dello stesso livello per il quale si concorre.

Come e quando fare domanda

Prima di procedere alla compilazione della domanda è necessario verificare di essere iscritto in banca dati dell’INPS e in caso contrario presentare la domanda di iscrizione in banca dati almeno 10 giorni prima della scadenza del Bando di concorso scaricando il modulo AS150 direttamente dal portale dell’INPS.

La domanda di partecipazione deve essere trasmessa online dal sito dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, accedendo a esso tramite Spid, Cie o Cns alla pagina “Borse di studio per scuola di primo e secondo grado, università e ITS“.

La procedura per richiedere i bonus sarà attiva dalle ore 12 del 20 gennaio 2022 fino alle ore 12 del 21 febbraio 2022.

Se ti interessa scoprire gli altri bonus previsti nella legge di Bilancio 2022 leggi anche questo articolo sui bonus riservati ai giovani nel 2022.

Lascia un commento