Cina, un corso universitario per diventare influencer

Maria Laura Campolo

Ci si lamenta della mancanza di corsi professionalizzanti o della presenza di corsi “mai sentiti prima”, eppure all’orizzonte spunta sempre qualche novità. Questo è il caso di un’ Università della Cina che ha ben pensato di creare un corso per Influencer.

Studenti e studentesse a caccia di like e follower

Chi l’avrebbe mai detto, un paio di anni fa, che i social networks avrebbero forgiato la figura dell’influencer? Una figura lavorativa tanto amata, tanto odiata quanto ricercata. Infatti, gli influencer sono desiderati dalle imprese, che sempre più frequentemente, li vogliono come protagonisti delle loro campagne di comunicazione. D’altronde la capacità di condizionare i comportamenti dei followers è un asso nella manica da non sottovalutare. Così come la capacità redditizia di questa professione. Sarà questo il motivo che ha spinto un’Università della Cina a creare un corso per influencer?

La Communication University of Zhejiang (CUZ), leader nel campo dei media e del broadcasting, ha introdotto un nuovo corso in “Self-Made Media Content Creation and Operation” con l’obiettivo di forgiare influencer in grado di fare numeri da capogiro. Come riportato da Pandaily, gli studenti e le studentesse per superare gli esami devono ottenere like e followers. Poiché un influencer deve destreggiarsi tra editing e strategie comunicative, oltre che una buona dose di personalità, le materia includono nozioni di editing video, e-commerce, social media marketing e vengono insegnate in collaborazione con attori chiave del settore dei social media.

La testimonianza di Xu Maomao è esemplificativa. Lo studente della CUZ aveva pubblicato un video con hashtag “SOS” nel quale chiedeva 10mila follower per poter terminare il corso. Qualche giorno prima della scadenza e vista la difficoltà a raggiungere l’obiettivo, il Professore ha acconsentito ad abbassare la soglia fino a 5mila per raggiungere la votazione di 90 all’esame finale.

Così facendo, l’Università sta creando professionisti del mondo social in grado di riversarsi, con consapevolezza e competenze, nell’economia digitale del Paese.

Lascia un commento