Coronavirus, la quarantena fa fare sogni strani

Karoline Gapit

Se anche voi durante la quarantena state facendo dei sogni assurdi, e/o incubi nitidi, non vi preoccupate: è tutto normale. 

Ad oggi, sono state numerose le persone che hanno raccontato sui social le proprie esperienze oniriche singolari. Ovviamente, la maggior parte di queste derivano dal periodo di quarantena che noi tutti stiamo passando. Per tale ragione sono nati diversi forum per raccogliere tutti i sogni strani che ci capita di avere durante il lockdown. Uno tra questi è il “I dream of Covid”, creato da Erin T. e Grace H. Gravely, che permette di pubblicare i propri racconti e corredarli con un’illustrazione. 

Le testimonianze

Il sito racchiude un insieme di esperienze oniriche riguardo la pandemia. C’è chi racconta di aver sognato di tossire in continuazione, e chi, invece, ha sognato di essersi visto costretto a lavarsi in continuazione senza alcuna pausa. 
Ci sono anche utenti che descrivono gli incubi legati alla piattaforma Zoom, per cui ogni videochat risultava caotica, insensata o, addirittura, chi si sentiva costantemente sorvegliato.

Lo studio dei sogni

L’Università dell’Aquila e di Roma Tor Vergata hanno condotto uno studio circa il boom di disturbi del sonno che si sono manifestati durante la quarantena. In particolare, lo studio sottolinea che esistono diverse “spie” di malessere psicologico che conferma di aver a che fare con l’insonnia all’inizio del lockdown
Per cui qualsiasi sia il vostro status mentale, se vi capita di fare un sogno strano o un incubo nitido, non vi preoccupate che non siete i soli. 

Inoltre, l’Istituto Beck sottolinea come fare degli incubi e trovare difficilmente il sonno sia un sinonimo di “stress o di disagi psicologia i quali ansia, depressione e soprattutto disturbo post traumatico da stress”. Ed è bene, sottolineano gli psicologi, rivolgersi a un specialista se la situazione peggiora e diventa cronica

Lascia un commento

Scarica orala nostra Guida