Coronavirus, Università chiuse in tutta Italia

Elisa Belussi

Fino a metà marzo tutte le scuole e le Università d’Italia rimarranno chiuse per fronteggiare l’emergenza coronavirus.

La ministra Lucia Azzolina ha annunciato lo stop delle attività didattiche in tutta la Penisola, a partire da domani e fino a domenica 15 marzo.

Una decisione senza precedenti

Una misura senza precedenti, messa in campo per contenere il più possibile il diffondersi del virus, che ha già bloccato il sistema dell’istruzione nel nord del Paese.

Le Regioni più colpite sono, fino a ora, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, dove scuole e atenei sono vuoti già da due settimane.

Le misure di contenimento applicate stanno dando risultati positivi: il contagio sembra infatti rallentare.

La didattica online: una soluzione per fronteggiare l’emergenza

La didattica online è stata adottata da diversi istituti, nelle Regioni già interessate dalle restrizioni ministeriali. Da oggi anche il Miur si è mobilitato per garantire il diritto all’istruzione.

In alcune Università è già stato sperimentato il conseguimento di lauree online. Negli atenei di Milano, Bologna, Pavia, Lecce e Varese alcuni studenti hanno discusso via Skype la propria tesi.

E non solo lauree telematiche ma anche anticipate. Il corso di laurea in infermieristica dell’Università di Brescia ha accelerato le modalità di esecuzione per cercare di fronteggiare la carenza di personale negli ospedali lombardi.