Giornata internazionale dei diritti umani

Greta Tesini

Dal 1948 il 10 dicembre è la giornata internazionale dei diritti umani, giorno in cui l’Assemblea delle Nazioni Unite diede alla luce la Dichiarazione Universale dei diritti Umani. Una giornata per ricordare che l’uguaglianza, la tolleranza e il diritto alla vita sono fondamentali per qualunque essere umano sulla Terra.

Anche la Segretaria generale del Consiglio d’Europa, Marija Pejčinović Burić, ha ricordato pochi giorni fa l’importanza dell’applicazione dei diritti umani, soprattutto oggi che l’Europa sta attraversando un periodo di sfide come la pandemia da COVID-19, migrazioni di rifugiati e intolleranza sociale:

La Convenzione europea dei diritti dell’uomo è stata concepita per aiutare le autorità nazionali a garantire il rispetto dei diritti fondamentali in ogni circostanza e non soltanto quando le cose vanno bene. Per oltre 70 anni, la Convenzione e il sistema su cui poggia hanno saputo affrontare questa sfida e adattarsi alle mutevoli circostante.
(…)
I diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto affrontano oggi grandi difficoltà. Dobbiamo, più che mai, restare fedeli ai nostri valori incorporati nella Convenzione dei diritti dell’uomo e garantire l’esecuzione rapida ed efficace delle sentenze della Corte europea.

Le origini della Dichiarazione dei diritti umani

La nascita di questo importantissimo documento si colloca nell’immediato dopoguerra, precisamente nel 1948. In questo periodo tutto il mondo si è trovato a fare i conti con le conseguenze disastrose della Seconda Guerra Mondiale e dei suoi orrori.

Gli allora 58 paesi membri dell’ONU elaborarono la Dichiarazione sulla base di principi umanitari e civili, condensandola in 30 articoli. L’ispirazione provenne anche dai documenti che fecero la storia dei grandi paesi occidentali: la Dichiarazione d’Indipendenza Americana del 1776 e la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e del Cittadino della Rivoluzione Francese.

Il primo principio, è basato sulla fratellanza fra uomini e donne:

Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.

Un importante insegnamento che non dovremmo mai scordare in un mondo moderno troppo spesso individualista. Ma soprattutto, non dovremmo mai scordarci l’uguaglianza di tutti gli esseri umani. Le battaglie contro il razzismo e la disparità di genere sono temi di cui dovremmo ricordarci ogni giorno, non solo oggi.

Iniziative per la Giornata internazionale dei diritti umani, eventi online

  • Educazione alla pace trasformativa e ai diritti umani in un mondo fragile: insieme verso il 2022 e il 2023 organizzato da Rondine (ore 17.00);
  • Educazione e Diritti Umani per costruire il Futuro” si svolgerà in modalità digitale il 10 e l’11 dicembre in occasione dell’Incontro Nazionale della Federazione Italiana dei Club e Centri per l’UNESCO (FICLU);
  • Gioventù per i Diritti Umani terrà un webinar informativo gratuito (ore 20.30);
  • Meeting dei Diritti umani organizzato da Giovanisì in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana e disponibile in streaming su Youtube (9.30 – 12.00).

Diritti dell’uomo, ma non solo

Oltre alla ricorrenza per i diritti umani, oggi 10 dicembre si celebra anche la Giornata Internazionale dei Diritti degli Animali. La scelta non è affatto casuale ma, anzi, la ricorrenza è stata voluta in questa data proprio per estendere i diritti dell’uomo a a tutti gli esseri viventi del pianeta. Esiste anche una Dichiarazione dei diritti degli animali, depositata all’UNESCO il 17 ottobre del 1978. Il documento non ha valore giuridico ma fornisce linee guida etiche e morali. Soprattutto, si concentra sull’importanza dell’educazione e della diffusione di questi insegnamenti fra tutti i cittadini, anche da parte delle istituzioni pubbliche.

Lascia un commento