I 5 tipi di… studente a fine sessione

Giacomo Marini

La fine della sessione è la leopardiana quiete dopo la tempesta dello studente universitario. Si può finalmente abbandonare la biblioteca e tornare alla socialità. Ognuno affronta questa fase a modo proprio: chi con gioia e chi con disperazione. Ecco quindi i 5 tipi di studente a fine sessione:

Il Traumatizzato

La sessione lo ha sconvolto, potrebbe non tornare mai più lo stesso. I 3 mesi passati con la testa sui libri gli hanno procurato una scoliosi e vari disturbi psichiatrici. Parla da solo e come i vampiri fugge dalla luce del sole. Il faticoso percorso di riabilitazione si concluderà proprio con l’inizio della nuova sessione, in sintonia con l’eterno ritorno di Nietzsche.

Il Viaggiatore

Non importa per dove, finita la sessione lui parte. Courmayeur, Santa Margherita Ligure o Casalpusterlengo, per il Viaggiatore la meta non è rilevante. Posta la sua avventura con storie Instagram dell’autostrada vuota e dell’ala dell’aereo, senza mai dimenticarsi l’hashtag #finesessione. Attira a sé le maledizioni di tutti quelli che si sono portati 18 esami all’ultimo appello.

L’Annoiato

Apre Facebook, scorre la Home e lo chiude. Apre Instagram, guarda due storie e lo chiude. Fissa il muro. Poi riparte da capo. Questa è la routine dell’Annoiato a fine sessione. Non è che non abbia nulla da fare, è che si è dimenticato come si faccia a vivere senza studiare tutto il giorno. Ha il tempo libero che fino a due giorni prima desiderava e ora non sa che farsene. Ritornare alla normalità sarà un lungo processo.

Il Diligente

Finire la sessione per il Diligente significa solo iniziare un nuovo semestre. Consegnato l’ultimo esame torna a casa e inizia già a segnare il nuovo calendario settimanale delle lezioni. Compra tutti i libri con largo anticipo e si informa sui professori. Questi ritmi però sono faticosi, la terza sessione di fila la finisce con un bel mental breakdown.

Il Laureando

Si immerge nell’ultima sessione con in sottofondo “The Final Countdown” degli Europe e riemerge dopo l’ultimo esame accompagnato da “Now We Are Free direttamente da “Il gladiatore“. Sente finalmente profumo di laurea, ha quasi raggiunto la luce in fondo al tunnel. Dovrà ancora stringere i denti ancora per qualche mese a causa della tesi e questo gli impedirà di godersi del tutto la fine della sessione.

Lascia un commento