Il medico del futuro: un corso tutto calabrese

Manlio Adone Pistolesi

L’Università della Calabria e l’Università degli Studi Magna Græcia di Catanzaro dall’anno prossimo arricchiranno la loro offerta con un nuovo corso teso a formare il medico del futuro. Le due Università calabresi hanno riscosso l’approvazione degli Ordini professionali, delle parti sociali e del Coruc (Comitato regionale di coordinamento delle Università calabresi). La speranza comune è che questo corso stimoli anche un miglioramento delle strutture ospedaliere, in modo da poter accogliere i talenti provenienti dalle proprie Università.

Una novità per il Sud

Il corso di laurea proposto dai due atenei è una novità nel panorama meridionale. Infatti, a Milano dal 2019 il Politecnico e l’Humanitas offrono la MEDTEC School, mentre l’Università La Sapienza propone il corso di Medicina e chirurgia HT. Perciò i due atenei calabresi hanno deciso di istituire il corso di laurea in Medicina e Tecnologie digitali che permetterà dopo un percorso di 6 anni di conseguire una laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia (classe di laurea magistrale LM-41) e, dopo qualche esame aggiuntivo, una laurea Triennale in Ingegneria Informatica, curriculum Bioinformatico (classe di laurea L-8). Una differenza sostanziale divide il corso meneghino da quello calabrese:

La MEDTEC della Humanitas University con il Politecnico di Milano ha avuto un boom di domande, nonostante l’alto costo di iscrizione che tocca i 20mila euro annui. Da noi, invece, il costo delle iscrizioni sarà quello standard, con le esenzioni e agevolazioni previste dagli atenei pubblici

Nicola Leone, Rettore dell’UniCal, intervenuto in una videoconferenza del 10 dicembre

I due rettori, Giambattista De Sarro per la Magna Græcia e Nicola Leone per l’UniCal, hanno raccolto la sfida dell’innovazione in un mondo in continuo divenire:

Non si parlava di chirurgia robotica, telemedicina, radiologia interventistica fino a 20 anni fa

Giambattista De Sarro, Rettore dell’Università degli Studi Magna Græcia, intervenuto in una videoconferenza del 10 dicembre

Il medico del futuro dovrà avere una formazione trasversale per poter adattarsi al connubio della medicina con le più aggiornate tecnologie e innovazioni. 

Cosa studierà il medico del futuro?

Il corso partirà dal prossimo anno accademico, 2021-2022, e si dipanerà in 6 anni. Inizialmente potranno accedervi solo in 60, previo superamento del test nazionale in Medicina e Chirurgia. Il piano di studi prevede 360 CFU, di cui 60 in tirocini, più 27 CFU aggiuntivi per conseguire il doppio titolo. Due mondi si incontreranno: l’intelligenza artificiale, la robotica e l’elettronica affiancheranno anatomia, fisica e biologia.

Lo studente seguirà le lezioni per i primi tre anni all’UniCal e i restanti tre all’Università Magna Græcia di Catanzaro.

Presentazione del corso di laurea in Medicina e Tecnologie digitali

Lascia un commento