It!, il rilancio del turismo per il PoliMi

Manlio Adone Pistolesi

Live.it!all, appare come slogan finale del video che presenta un progetto di alcuni studenti del Politecnico di Milano. L’idea, in linea con il decreto Rilancio, è di rilanciare l’economia, aiutando il settore turistico che rischia il collasso con la stagione estiva imminente. Il progetto ha partecipato all’hackathon paneuropeo #EUvsVirus di aprile, con oltre 30.000 sfidanti. 117 i progetti finalisti e vincitori, tra cui anche it! che inoltre ha raggiunto la terza posizione nella challenge “New and resilient business models”

Come aiutare il turismo secondo it!

I creatori del progetto sono Elena Iannella, Ryohei Kawagishi, Elisa Mastrogiacomo, Matteo Meschini. It! si struttura come una piattaforma digitale nella quale il cliente-turista incontra l’offerta della destinazione desiderata. Gli studenti del Politecnico si propongono di aiutare il settore turistico, in vista della prossima stagione estiva, facendo dialogare i vari stakeholders.

Infatti, su it! ogni società, ente, attività potrà proporsi agli occhi e alle aspettative del turista. I soggetti che costituiscono l’offerta vengono divisi in due gruppi: DMO e DMC. I primi, destination management organization, sono gli enti pubblici, statali o regionali, fautori del turismo locale. I destination management companies raggruppano i privati che propongono beni e servizi.

Attraverso le richieste del cliente, i DMO e i DMC cuciranno l’itinerario e le attività adatte al singolo. Ogni esperienza verrà quindi personalizzata, grazie alla stessa forma della piattaforma: multi-sided. Un continuo dialogo tra domanda e offerta.

Inoltre, particolare attenzione verrà fornita ai dati sanitari e alle norme di protezione. Gli utenti saranno costantemente informati delle procedure adottate in ogni singolo luogo e alla loro, eventuale, mutevolezza. Ogni bar, ristorante, hotel fornirà le proprie misure di distanziamento. I dati, in continuo aggiornamento, saranno accessibili al sistema sanitario che potrà, così, diramare le proprie direttive.

Un win-win, quindi, per ogni realtà: turistica, imprenditoriale, istituzionale e sanitaria. 

Il progetto parteciperà anche all’EUvsVirus Matchathon, che si svolgerà dal 22 al 25 maggio.

Lascia un commento

Scarica orala nostra Guida