Le molteplici facce dell’infedeltà: il corso UniMi

Manlio Adone Pistolesi

Quando si parla di infedeltà è naturale pensare immediatamente a delle relazioni sentimentali stravolte. L’infedeltà non si verifica solo tra le lenzuola di un letto, ma anche in ambito lavorativo e all’interno del mondo digitale. Per analizzare e studiare il fenomeno l’Università di Milano ha istituito un corso online: Criminalità Informatica e Investigazioni digitali.

L’infedeltà e gli ambiti in cui prospera

Infatti, il corso dell’UniMi vuole focalizzarsi principalmente su tutte quelle attività illecite che vanno a compromettere un rapporto di fedeltà e fiducia nell’ambito produttivo. Oltre all’ambiente coniugale si può essere infedeli nei confronti del proprio datore di lavoro, del proprio esercizio professionale, dei consumatori che usufruiscono di piattaforme online, di altri soggetti all’interno del contesto digitale.

L’Università ha strutturato il corso in tre macro aree. Innanzitutto, le tempestose dinamiche di coppia si sono spostate quasi interamente online. All’interno del web, attraverso l’utilizzo di fonti aperte o tool come la geo-localizzazione, si potranno scoprire eventuali comportamenti lontani dall’ideale di fedeltà.

La seconda macro area pertiene ai rapporti tra professionisti, dipendenti e aziende. Infine, l’ultimo ambito fa riferimento alle grandi piattaforme online che inevitabilmente accumulano big data sensibili. Recente è il furto di dati operato nei confronti dell’Università di Tor Vergata.

Finalità e struttura del corso

Il corso si prefigge di dotare di maggior consapevolezza coloro che vi parteciperanno. In 68 ore l’utente acquisirà “un maggior controllo del dato […] per poter sviluppare capacità di analisi che nel mondo dei big data diventano necessari”.

Criminalità informatica e Investigazioni digitali si articolerà in 32 lezioni da due ore, completamente online e in modalità asincrona. Inoltre, nella prima parte del corso i docenti saranno degli esperti e tecnici con anni di esperienza nella ricerca di fonti di prova digitale. Nel prosieguo delle lezioni verranno affiancati da professionisti come magistrati e agenti delle forze dell’ordine.

Il bando per le iscrizioni scade il 25 settembre

Lascia un commento

Scarica orala nostra Guida