Meno tasse se la famiglia ha subìto danni economici

Giorgia Fossati

L’intervento sul diritto allo studio permetterà agli atenei di abbassare le tasse e alle regioni di sostenere con più borse di studio gli studenti.

Infatti, il Decreto Rilancio ha aumentato il Fondo di finanziamento universitario di 170 milioni per l’anno 2020 per sostenere le perdite delle famiglie a causa del COVID-19. 

Possibile calo di immatricolazioni

Il timore del Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi è quello di un crollo delle iscrizioni universitarie causato dagli effetti economici dell’emergenza sanitaria in corso.
Con la crisi economica, nel 2008 le immatricolazioni sono calate del 20% ed è questo ciò che si vuole evitare.

“No Tax area” e sconti sulle tasse

L’introduzione di misure economiche si è rivelata quindi necessaria. È stato approvato l’allargamento della “No Tax area” per gli studenti che hanno subìto danni economici in famiglia.
Manfredi ha dichiarato che “l’obbiettivo è che tutti i ragazzi che sono sotto la soglia ISEE di 20mila euro non paghino le tasse, tra i 20 e i 30mila euro avranno uno sconto importante.” In quest’ultima fascia la tassazione sarà infatti del 50%. 
In questo modo, secondo il Ministro, uno studente su due pagherà meno tasse.

La situazione famigliare non è accertabile entro il pagamento della prima rata (tra il 30 settembre è il 15 novembre). Il Ministero ha quindi dichiarato che sarà sufficiente un’autocertificazione degli studenti per essere collocati nella fascia “no tax” o in quella scontata.

Crescono i finanziamenti universitari

Con il decreto del 19 maggio vengono destinati all’Università 1,4 miliardi di euro
Gli atenei pubblici italiani avranno a disposizione 50 milioni per l’abbattimento delle tasse e 40 milioni per l’aumento delle borse di studio.
20 milioni sono invece destinati a colmare le carenze a livello di strumenti digitali, necessari agli studenti in questa fase di ripresa e nei successivi mesi.

L’Italia del post-COVID sembra voler mettere al centro l’Università, investendo su di essa e sugli studenti.

Lascia un commento

Scarica orala nostra Guida