Psicologia: il Corso di Laurea fa per te?

Tea Maistro

Quanti di noi hanno pensato, almeno una volta nella vita, di diventare psicologo o psicologa? Chi, invece, non ha mai preso in considerazione questa ipotesi ma si sente attratto dalla psiche umana? Quante persone sono grate allo psicologo o alla psicoterapeuta che li ha aiutati a superare un momento particolarmente difficile della loro vita?
Se Psicologia è il vostro Corso di Laurea, se vi accingente a scegliere il vostro percorso di studi, se siete incuriositi dal mestiere degli psicologi o se volete semplicemente informarvi un po’, questo articolo fa al caso vostro.

Questioni tecnico-burocratiche

Chiunque voglia intraprendere studi di tipo psicologico deve sapere che il Corso di Laurea in Psicologia è un percorso triennale, che può successivamente essere rafforzato attraverso una Laurea magistrale della durata di due anni. In parole semplici, Psicologia fa parte dei Corsi di Laurea 3+2. Il punto di partenza per lo studente che desidera diventare psicologo è, dunque, la laurea di primo livello. I Corsi triennali di Psicologia appartengono tutti a un’unica classe di laurea, ovvero la L-24 Scienze e tecniche psicologiche. Tale classe di laurea è definita su base nazionale ed è importante affinché gli studi siano collocati in una specifica area del sapere collettivo.

Dati socio-anagrafici

Secondo lo studio di Alma Laurea, l’82% degli iscritti al corso di laurea triennale in Psicologia sono persone di sesso femminile. Emerge, così, un forte divario di genere in questo tipo di studi e, di conseguenza, nelle professioni a cui questi ultimi abilitano.
In termini di background sociale, più dei 2/3 degli studenti triennali di Psicologia non ha nessun genitore laureato, mentre il 31,2% ha almeno un genitore che ha concluso un percorso universitario. Più generalmente, il 30,3% degli iscritti dichiara di appartenere alla classe media impiegatizia, il 24,3% alla classe elevata e il 22,9% alla classe media autonoma. Il restante 20% sostiene di fare parte della classe del lavoro esecutivo.

Background scolastico

Il 90% di chi si inserisce nella classe di laurea L-24 Scienze e tecniche psicologiche proviene da studi liceali, con una preponderanza del Liceo scientifico. L’8,5% proviene da un Istituto tecnico e soltanto il 2,1% da un Istituto professionale.

I corsi principali di Psicologia

Posto che le materie di studio variano da un Ateneo all’altro, è possibile stilare un elenco dei principali corsi che uno studente di Psicologia dovrà seguire durante la laurea triennale:

  • Fondamenti neurobiologici e genetici
  • Metodologia della ricerca psicologica
  • Pedagogia generale o Sociologia generale
  • Psicologia dinamica / generale/ sociale
  • Storia della filosofia o delle scienze umane
  • Metodi e tecniche dell’intervista e del questionario
  • Metodi e tecniche di conduzione dei gruppi
  • Metodologia della ricerca psicologica
  • Neuropsicologia
  • Psicologia del lavoro e dell’organizzazione
  • Psicologia dello sviluppo
  • Statistica 
  • Metodi e tecniche dei test e tecniche di analisi della domanda nel colloquio psicologico
  • Psicologia clinica / sociale / della famiglia / delle relazioni interpersonali e sociali / dell’infanzia e del counseling o dell’adolescenza, della comunicazione / cognitiva applicata
  • Interventi psicologici per le organizzazioni o Psicologia dei comportamenti economici e dei consumi
  • Attività di laboratorio ed esperienze applicative
  • Prova finale

Dove studiare Psicologia

Il Corso di Laurea in Scienze e tecniche psicologiche è presente in diverse Università italiane. Tra queste figurano: l’Università di Bergamo, Bologna, Cagliari, Campania Luigi Vanvitelli, Catania, Catanzaro, Chieti e Pescara, Enna, Firenze, Genova, L’Aquila, Messina, Milano Bicocca e Vita-Salute San Raffaele, Modena e Reggio Emilia, Napoli Benincasa e Napoli Federico II, Padova, Palermo, Parma, Pavia, Perugia, Pisa, Europea di Roma, LUMSA, Sapienza di Roma, Salento, Sassari, Torino, Trento, Trieste, Urbino Carlo Bo, Valle d’Aosta e Verona.

Carriera universitaria a Psicologia

L’età media alla laurea è pari a 23,6 anni, seppur la maggior parte degli studenti si laurei prima dei 23 anni. La durata media degli studi è pari a 3 anni e 2 mesi con un voto medio di laurea pari a 101,8 su 110. Nel corso degli studi universitari circa il 65% degli studenti ha avuto esperienze lavorative, seppur soltanto 8,4 studenti su 100 abbiano avuto impieghi coerenti con propri studi.
Dal punto di vista della soddisfazione per gli studi conclusi, circa il 50% dei laureandi dichiara di esserne decisamente soddisfatto e soltanto lo 0,5% dichiara di non esserlo affatto. Inoltre, secondo la metà degli intervistati, il carico di studio è adeguato alla durata del Corso di Laurea. L’80,8% degli studenti afferma che si iscriverebbe nuovamente allo stesso Corso di Laurea e nello stesso Ateneo, qualunque esso sia. L’11% degli studenti, invece, sostiene che preferirebbe iscriversi allo stesso Corso di Laurea ma presso un altro Ateneo.

Dopo la Laurea in Psicologia

La quasi totalità delle persone che consegue un titolo di studi triennale in Psicologia decide di proseguire con la propria carriera universitaria e ha intenzione di farlo con una Laurea magistrale biennale. Per il 44% degli intervistati, infatti, si tratta di una scelta obbligata per poter accedere al mercato del lavoro. Il 55% di chi continua a frequentare l’Università lo fa nell’Ateneo in cui ha conseguito il titolo triennale.

Lascia un commento