Università di Napoli: Master in Intelligenza Artificiale

Sofia Gigliotti

All’Università di Napoli Federico II verrà avviato un Master di II livello in “Intelligenza Artificiale per le scienze umane“. A promuoverlo è stato il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Ateneo.

Il Master ha l’obiettivo di formare una figura professionale che sappia supportare i bisogni psicologici individuali e collettivi ideando, progettando e realizzando nuove tecnologie. Allo stesso tempo però deve saper conoscere e utilizzare i principali sistemi di intelligenza artificiale come strumenti per lo sviluppo di queste tecnologie.

Università di Napoli: il corso

«A guidare il programma didattico sarà una visione biologica dell’intelligenza che considera la cognizione come una struttura emergente dell’interazione tra gli organismi dotati di un corpo, di un codice genetico e di un sistema neurale, con il proprio ambiente di vita» spiega Orazio Miglino, coordinatore del Master e professore ordinario di Psicologia dello sviluppo e Psicologia dell’educazione alla Federico II.

Gli studenti avranno quindi la possibilità di unire le loro conoscenze umanistiche all’Intelligenza Artificiale. Sono previste 1500 ore di lavoro annuali per un totale di 60 cfu. La frequenza obbligatoria sarà dell’80% del totale.

L’Open Day si terrà il 7 aprile su Zoom e le registrazioni sono già aperte. Per iscriversi al Master bisognerà completare la domanda di partecipazione entro le 12.00 del 17 aprile 2021.

Gli allievi acquisiranno le nuove conoscenze tramite lezioni, laboratori e periodi di tirocinio presso aziende e istituti di ricerca. Qui infatti potranno svolgere un periodo di stage.

Il programma del master ha l’ambizione di formare gli allievi coniugando l’insegnamento delle teorie scientifiche sulla mente e il cervello con la concreta ideazione e sviluppo di tecnologie applicabili al miglioramento della vita quotidiana delle persone.

Orazio Miglino

L’Università di Napoli pone uno sguardo verso un futuro digitale che si concili con i bisogni psicologici di ogni cittadino, per rispondere anche alle richieste delle nuove generazioni.

Lascia un commento