Università di Palermo: progetto GAP per dottorandi

Sofia Gigliotti

Il SiMUA (Sistema Museale di Ateneo dell’Università degli Studi di Palermo) ha lanciato GAP (Graffiti Art in Prison). Il progetto propone un viaggio tra arte, storia e scienza con il coinvolgimento degli istituti di detenzione.

Tra gli scopi c’è la musealizzazione degli ambienti storici delle Carceri dell’Inquisizione dello Steri di Palermo e il miglioramento dell’accessibilità turistica al repertorio dei graffiti siciliani.

Il progetto

Con GAP gli studenti potranno entrare fisicamente e intellettualmente nelle carceri colmando quel gap che c’è tra la società e l’Università.

Gli obiettivi principali sono la ricerca, l’inclusione sociale e la valorizzazione del patrimonio culturale. Si svilupperà all’interno dello Steri, il Palazzo Chiaramonte di Palermo, dove sono conservati i graffiti delle Carceri del Santo Uffizio spagnolo.

Il progetto si avvarrà della collaborazione tra docenti internazionali, studenti universitari e detenuti di istituti penitenziari siciliani. Gli studenti potranno cimentarsi nello studio di queste opere d’arte. Seguiranno anche workshop, corsi e conferenze che si svolgeranno in Italia, Spagna e Germania tra il 2021 e il 2023.

C’è inoltre un bando di concorso, visualizzabile sull’Albo ufficiale dell’Ateneo di Palermo, aperto a 20 dottorandi di cui 8 da UniPa. I partecipanti avranno anche degli aiuti per sostenere le spese di mobilità per viaggiare tra le diverse Università partner. La scadenza per presentare la domanda è il 19 luglio 2021.

Università di Palermo: internazionalità

Il progetto è realizzato insieme al Kunsthistorisches Institut di Firenze e al Departamento de Historia del Arte de la Universidad de Zaragoza. Mentre verrà sviluppato sul territorio siciliano dal DEMS (Dipartimento di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali) dell’Università degli Studi di Palermo, e da ABADIR (Accademia di Design e Comunicazione Visiva) di Catania.

Rientra inoltre nel programma europeo Erasmus+, Strategic Partnerships for Higher Education.

Progetto unico nel suo genere che permetterà agli studenti di interfacciarsi con una realtà ancora oggi poco conosciuta e di confrontarsi con colleghi italiani e stranieri.

Lascia un commento